Valsesia sailor - Marco Zago

EN

I spent 20 years of my life on Lake Garda falling asleep every night to the sound of wind and waves. My father taught me to row a boat when I was 5 years old. Boats and the sea have always been my passion but he also introduced me to the subtlest love, the one that then exploded like a fire: the mountain.

As a child while my father was fishing the streams, I dreamed of descending those impressive waves and drops. Later I discovered the wonderful world of kayaking and I went for the first time in Val Sesia to the Monrosa canoe school, which at that time was in Campertogno. There I met some of my now best friends, Piero Arcostanzo and Diego, who taught me the art of kayaking. I will always remember the stories of Dario, Sandro, Stefano, Yuri, in the evening in front of the fire. They knew by heart the words of Shaun Baker before his first descent of the Devil's Slide of the Sorba: "I feel an indescribable inhuman loneliness. I am about to pass through a door without knowing what is waiting for me beyond."

So we went to explore the Sorba, which became famous all over the world thanks to the Sector ad starring Shaun Baker. I was stoked: we looked at the shooting stars and listened to the relaxing sound of the stream, which reminded me of the waves of the lake that I heard as a child. It was easy to sleep with that sound in the background.

Many years later I met Fred during a return to Valsesia: who finds a Fred finds a treasure.

He guided me down my first descent of the Sorba and Gronda. They were Fred’s love, I didn't take long to understand why. Descending between the rocks and the green water surrounded by the scent of those mountains is a privilege that only a kayaker can understand. During the descent Fred warned me of the dangerous “3 Widows” rapid. Overwhelmed by the apprehension well known to all canoeists, rapid after rapid I asked him “Where is it”? He reassured me with “Don't worry, it is ahead”. Only when we arrived at the take-out did he tell me it didn't exist. We laughed like only true friends do.

Since then Valsesia has been an anchor point for me with its imposing mountains, streams set in the rock like pearls, it's strong-eyed people and a wonderful soul. But one day a blow to the heart: the news hits me like a knife: a power plant is planned to take the waters of the Sorba for a hit of energy. The obvious fear is that the project may also involve the nearby Gronda in the future; it would be child's play once the main construction is completed.

I wonder how a priceless heritage can be destroyed for the benefit of a few.

The Sorba and the Gronda do not deserve this, the thousands of tourists to Rassa every year do not deserve this, the pristine waters and the ecosystem of the Sorba do not deserve this. I hope that the administration of Rassa and its inhabitants become real aware of the lack of justification for this project.

"You realize the importance of something only once it is gone"

Marco

Every signature counts, add yours

IT

Ho passato 20 anni della mia vita sul lago di Garda addormentandomi tutte le sere con il suono delle onde e del vento. Mio padre mi insegnò a condurre una barca a remi quando avevo 5 anni. Le barche e il mare sono sempre state la mia passione, ma lui mi attaccò anche l'amore più sottile, quello che poi è esploso come un incendio: la montagna.

Da bambino mentre lui pescava sui torrenti, io sognavo di discendere in kayak quei flutti e salti impressionanti. Così un giorno scoprii il meraviglioso mondo del Kayak ed andai per la prima volta in Val Sesia alla scuola di canoa Monrosa che al tempo era a Campertogno.

Lì conobbi alcuni dei miei attuali migliori amici: Piero Arcostanzo e Diego che mi insegnarono l'arte del kayak. Mi ricorderò sempre i racconti di Dario, Sandro, Stefano , Yuri, la sera davanti al fuoco, sapevano a memoria le parole di Shaun Baker prima di discendere per la prima volta il devil's slide sul Sorba “ Sento una solitudine indescrivibile, non umana, sto per attraversare una porta e non so cosa troverò dall'altra parte“

Così andammo a perlustrare Il Sorba, divenuto famoso in tutto il mondo proprio grazie alla pubblicità della Sector di cui Shaun fu il protagonista. Ne rimasi estasiato: guardavamo le stelle cadenti con il rilassante suono del torrente, che mi evocava le onde del lago che sentivo da bambino. Con quel sottofondo riesco ad addormentarmi meglio.

Passarono tanti anni quando tornai in Valsesia prima di conoscere Fred: chi trova Fred trova un tesoro. Fu lui la mia guida durante la mia prima discesa del Sorba e del Gronda . Erano il suo amore, non tardai molto a capirne perchè. Scendere tra le rocce e l'acqua verde avvolti dal profumo di quelle montagne, è privilegio che solo un kayaker può capire. 

Durante la discesa Fred mi avvertiva della pericolosa rapida delle 3 vedove. Avvolto dall’ apprensione che un canoista conosce bene, rapida dopo rapida continuavo a chiedergli dove fosse, e lui mi rassicurava con un: tranquillo, è più avanti. Solo quando arrivammo allo sbarco mi disse che non esisteva, abbiamo riso come solo gli amici veri fanno. 

Da allora per me la Valsesia è un punto di riferimento con le sue montagne imponenti, con i torrenti incastonati nella roccia come perle, la sua gente dallo sguardo duro e un'anima meravigliosa. Ma un giorno un colpo al cuore: la notizia mi arriva come una pugnalata: una centrale elettrica preleverà le acque del Sorba per un pugno di energia. 

Con il timore che il progetto possa in futuro coinvolgere anche il vicino Gronda, sarebbe un gioco da ragazzi una volta realizzata la costruzione principale.

Mi chiedo come si possa distruggere un patrimonio inestimabile per il beneficio di pochi.

Il Sorba ed il Gronda non meritano questo, le migliaia di turisti che ogni anno raggiungono Rassa non meritano questo, le acque incontaminate e l’ ecosistema del Sorba non meritano questo. Spero che l’ amministrazione di Rassa ed i suoi abitanti prendano reale consapevolezza della mancanza di criterio alla base di questo progetto.

“Ti accorgi dell’ importanza di una cosa solo quando la perdi”

Marco

Ogni firma conta, aggiungi la tua


DSC_1590jpegIMG_4875jpeg